Ultima modifica:
14-01-2016

Rancher di bestiame, Parco nazionale Monte Pascoal e compensazioni di carbonio nel territorio indigeno di Pataxo, Brasile

I guerrieri di Pataxo continuano dopo secoli per combattere le forme coloniali e neo-coloniali di appropriazione delle loro terre.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

La lotta della popolazione indigena Pataxo-Ha-Ha-Hae nel sud-est dello stato di Bahia per le loro terre è durata a lungo.

già al Fine del XIX secolo e durante l'inizio del XX secolo hanno dovuto affrontare la terra afferrando le piantagioni di cacao. La riserva Caramuru-Paraguaçu fu creata nel 1926 nell'area in cui si stavano concentrando dopo la continua riduzione delle loro terre. A seguito della violenza governativa, Caramuru-Paraguaçu è stato ridotto a 36.000 ha e gli abitanti della riserva hanno continuato a soffrire gli spostamenti forzati, imposti dalla Funai.

progredisce nella legge brasiliana a favore dei diritti indigeni non si traducono automaticamente in un rispetto migliore ed efficace di quest'ultimo.

anche dopo l'adozione dello statuto indiano nel 1973, gli allevatori hanno continuato a stabilirsi Caramuru-Paraguaçu. Per tutto il decennio il 1980 le persone Pataxo-Ha-Hae hanno combattuto per il recupero delle loro terre.

i rifugiati di Pataxo a Minas Gerais sono tornati nelle loro terre e hanno iniziato ad occupare il Sao Lucas Ranch. Sono andati in tribunale chiedendo la cessazione di ulteriori trasferimenti. La Corte ha deciso a loro favore. Tuttavia, i violenti alterazioni con gli allevatori non si sono conclusi. . Parte del loro territorio è stata anche trasformata nel parco nazionale di Monte Pascoal. Inoltre, nel territorio di Pataxo è stato lanciato anche un progetto di offset di carbonio (attraverso il meccanismo Redd delle Nazioni Unite). Il recupero della foresta degradata è stato fondato dalla vendita di crediti di carbonio. Il progetto favorisce i proprietari terrieri privati ​​e le multinazionali (finanziando il loro diritto di emettere gas serra) mentre le persone di pataxo sono ignorate dai diritti territoriali tradizionali. Recentemente è stato minacciato dalla proposta di emendamento costituzionale "PEC 215". Se adottato, avrebbe limitato il riconoscimento delle terre indigene. Il rifiuto dell'emendamento all'inizio del 2015 è stato una vittoria celebrata a livello nazionale. Nella loro lotta il popolo Pataxo ha affrontato questioni cruciali per la società brasiliana: giustizia, uguale dignità per gli indigeni, riconoscimento dei loro diritti civili e politici, recupero dei loro territori ancestrali e protezione per l'identità e la dignità del popolo [2].

Informazioni di base
Nome del conflittoRancher di bestiame, Parco nazionale Monte Pascoal e compensazioni di carbonio nel territorio indigeno di Pataxo, Brasile
NazioneBrasile
Città e regioneBahia (sud -est)
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
REDD/CDM
Deforestazione
Creazione/conservazione di riserve/parchi naturali
RisorseTerra
Cellulosa
Crediti di carbone
Carne
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

L'area di offset in carbonio tra Monte Pascoal e Pau Brasi National Parks copre 1.000 ha.

Area del progetto22.500
Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:1951
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Kraft Foods Global, Inc.
Natura Cosméticos
Attori governativi rilevanti:Ibama, Servizio per la protezione degli indiani: "Serviço de Proteção Ao índio" (SPI) Anceto dell'attuale Funai (Fundação Nacional do índio)
Istituzioni internazionali o finanziarieUnited Nations Environmental Programme (UNEP)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:CONSELHO Indigenista Missionário (CIMI) - Brasile, Sopravvivenza culturale, Associazione dei popoli indigeni del Brasile (APIB)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Movimenti sociali
Comunità indigene Pataxo
Forme di mobilitazione:Azioni legali/giudiziarie
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Degradazione paesaggistica, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Potenziale: Riscaldamento globale, Inquinamento acustico, Erosione
Impatti sulla salutePotenziale: Incidenti/infortuni, Malnutrizione, Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi, Morti
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Aumento della violenza e della criminalità, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione
Risultati
Status attuale del progettoFermato
Risultato del conflitto/risposta:Morti, Omicidi, Assassinii
Migrazioni/sfollamenti
Sviluppo di proposte alternative:I manifestanti chiedono di recuperare le proprie terre.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoLa popolazione indigena non recupera le proprie terre e non ha altra forma di compensazione.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

ILO Convention 69

Indian Statute - 1973 "expressly forbids leasing contracts with non-Indians for the exploitation of the resources of Indian lands" [1]

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Protected areas Against Who? World Rainforest Movement. Oilwatch 2004
[click to view]

REDD in Brazil - Two case studies on early forest carbon offset projects, J. Kill, HBS Foundation, 2014
[click to view]

Report: The Monte Pascoal‐Pau Brasil ecological corridor carbon, community and biodiversity initiative: another carbon offset failure
[click to view]

Special Bulletin: The struggle of the Pataxo, WRM
[click to view]

[1] The Pataxo of Bahia: Persecution and Discrimination Continue, Cultural Survival
[click to view]

[2] Brazil: Monte Pascoal National Park belongs to the Pataxo, WRM, November 1999
[click to view]

Conselho Indigenista Missionario
[click to view]

Brazil: The Pataxo’s struggle for their territory continues, Pascoal, 19/08/2007, World Rainforest Movement
[click to view]

The Pataxó people of Brazil: the recreation of a culture, A. Ulrich
[click to view]

Brazilian Indians secure nationwide land victory, Latin America Bureau, 22/01/2015
[click to view]

Special Bulletin: The struggle of the Pataxó, WRM
[click to view]

Another carbon offset failure: The Monte Pascoal-Pau Brasil ecological corridor, REDD monitor, 17/04/2014
[click to view]

A Brief History of the Indians of Southern Bahia, Brazil, Cultural Survival
[click to view]

REDD, Neo-Colonialism in the Land of the Pataxo Warriors, Americas Program, 26/11/2014
[click to view]

Worldwide protests demand stop to Brazil’s assault on indigenous rights, Survival, 2/10/2013
[click to view]

Brazil: Pataxo recover traditional lands, WRM Bulletin 26, August 1999
[click to view]

Meta informazioni
Ultima modifica14/01/2016
ID del conflitto:480
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.