Ultima modifica:
20-12-2016

Green Isan & Khor Jor Kor Projects (e altre piantagioni statali), Thailandia


Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

In Tailandia, la resistenza alle piantagioni di eucalipto ha raggiunto il picco alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90. I "Isan Khiau" o "Green Isan"-Green the Northeast (1987-1992) e i progetti "Khor Jor Kor" (1990-1992) lanciati da un'alleanza dell'industria della polpa e della carta, del Dipartimento forestale reale e dell'esercito Mirato a "Regreening" Thailandia nord-orientale piantando eucalipti. Il secondo progetto è stato ancora più brutale del primo: il suo piano includeva lo sfratto di cinque milioni di residenti nell'ambito di uno sforzo di piantare circa 1,4 milioni di ettari di eucalipti. Pye (2005: 109) osserva che "il progetto Khor Jor Kor rappresentava un apice della silvicoltura autoritaria diretta dallo stato". L'ex monaco Phra Prachak Kuttjitto guidò gli abitanti del villaggio nella provincia di Buriram nelle opposte piantagioni di eucalipto. Tra le tattiche usate c'era quello di "ordinare" gli alberi per impedire loro di essere ridotti avvolgendo tronchi di alberi con strisce di zafferano del colore dorato delle vesti di un monaco. La regione era un obiettivo speciale di repressione nell'ambito della campagna Khor Jor Kor. I villaggi erano circondati da truppe, case smantellate, leader detenuti e Phra Prachak Kuttjitto arrestarono. Il progetto ha portato a un ampio movimento di protesta rurale che è culminato nella più grande manifestazione nella storia thailandese, presi di mira alla giunta militare. Dopo aver ordinato alle truppe di sparare tra la folla, la giunta fu finalmente costretta a arretrare nel 1992. Nei mesi seguenti, migliaia di abitanti del villaggio continuarono a protestare contro il progetto di piantagione, bloccando una grande autostrada. Di conseguenza, il governo ha demolito il programma di sfratto dei militari, sospeso "riforestazione" con eucalipti e ha imposto un soffitto di 8 ha su qualsiasi tipo di piantagione di alberi commerciali. Nel 1994, l'opposizione locale a un programma di sviluppo del Dipartimento della Royal Forest Forest (RFD) di Eucalypt in ROI ET diventa così forte che i funzionari distrettuali non avevano altra scelta che esprimere sostegno agli abitanti dei villaggi che hanno abbattuto oltre 300 ettari di eucalipti per sostituirli con loro per sostituirli Foreste di specie native cereggiate dalla comunità. Nel 1995, le reti di villaggi nella provincia stavano tentando di eliminare del tutto gli eucalipti dalle loro aree, costringendo l'RFD a sospendere le sue operazioni di eucalipt su una vasta area. La responsabilità per le piantagioni esistenti, nel frattempo, è stata passata ad altre autorità, che gli abitanti del villaggio hanno fatto pressioni attraverso una varietà di canali per tagliare gli eucalipti e distribuire i profitti a livello locale. Durante le loro campagne, gli abitanti del villaggio nord-orientale e i loro alleati delle ONG hanno: studiate e pubblicizzate alternative native multiuso agli eucalipti che rispondono alla diversità di cibo, costruzione, medicinali ed ecologici delle diverse località; lanciate piantagioni supplementari di alberi autoctoni su siti degradati; e ha pubblicato nuove aree come foresta comunitaria.

Informazioni di base
Nome del conflittoGreen Isan & Khor Jor Kor Projects (e altre piantagioni statali), Thailandia
NazioneThailandia
Città e regioneRoi et Province (in particolare)
Localizzazione del conflittoNord-est (soprattutto)
Accuratezza della localizzazioneBassa (livello nazionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
Deforestazione
Accaparramento di terre (land grabbing)
RisorseEucalipto
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

#VALUE!

Area del progetto1.400.000
Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:1975
Data di fine del conflitto:2000
Attori governativi rilevanti:Esercito del dipartimento forestale reale
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Diversi ejos locali e nazionali, in particolare l'organizzazione nazionale degli agricoltori Samacha Khon Jon ("Forum dei poveri"). Una vasta rete nord-orientale di "47 comitati forestali"
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Gruppi religiosi
Forme di mobilitazione:Blocchi stradali o picchetti
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Occupazione di terre
Proteste di strade/manfestazioni
Danni a proprietà/incendi dolosi
- Ordinamento degli alberi per impedire loro di essere abbattuti. - Abbattere l'eucalipto per sostituirli con utili specie autoctone.
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Impatti sul sistema idrogeologico
Potenziale: Perdita di biodiversità
Impatti socio-economiciVisibile: Espropri di terra
Potenziale: Sgomberi/sfollamenti, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Perdità dei mezzi di sussistenza
Risultati
Status attuale del progettoFermato
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Criminalizzazione degli attivisti
Nuove legislazione/norme
Repressione
Attacchi violenti ad attivisti
Cancellazione del progetto
L'ex monaco Phra Prachak Kuttjitto è stato arrestato con 7 accuse
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:SI
Spiegare brevemente il motivoI progetti "Green Isan" (1987-1990) e "Khor Jor Kor" (1990-1992) hanno generato il più grande movimento sociale ancora contro le piantagioni di alberi. Le autorità non avevano altra scelta che ritirare i loro progetti e le società potenti dovevano fermare le loro operazioni e pagare danni agli abitanti dei villaggi locali.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

1960 Forest Act

Community Forest Bill

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Carrere, R., and L. Lohmann, 1996. Pulping the South: industrial tree plantations and the global paper economy. London: Zed Books.

Lang, C., 2002. The pulp invasion: the international pulp and paper industry in the Mekong region. Montevideo: World Rainforest Movement.

Lang, C., 2008. Plantations, poverty and power: Europe’s role in the expansion of the pulp industry in the South. Montevideo: World Rainforest Movement.

Lohmann, L., 1991. Peasants, plantations and pulp: the politics of eucalyptus in Thailand. Bulletin of Concerned Asian Scholars, 23 (4): 3-17.

Lohmann, L., 1995. Land, power and forest colonization in Thailand. In: The struggle for land and the fate of the forest, eds. M. Colchester and L. Lohmann, pp. 198-227. Montevideo: World Rainforest Movement.

Pye, O., 2005. Khor Jor Kor forest politics in Thailand. Bangkok: White Lotus Press.

Taylor, J., 1993. Social activism and resistance at the Thai frontier: the case of Phra Prajak Khuttajitto. Bulletin of Concerned Asian Scholars, 25 (2): 3-16.

Meta informazioni
Ultima modifica20/12/2016
ID del conflitto:1215
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.