Ultima modifica:
23-02-2019

Sfratto a Wayanad Wildlife Sanctuary e Muthanga Adivasi agitazione, Kerala, India

Protesta contro una riserva faunistica (elefanti, tigri) e per il riconoscimento dei diritti fondiari. Conosciuto nel 2003 come l'agitazione Muthanga, tribali Wayanad hanno combattuto per la terra in quell'anno e dopo.


Descrizione:

Wayanad Wildlife Santuario fu costituita come entità separata nel 1985. Ci sono circa 107 insediamenti comprendenti 2.613 famiglie nel limite del Santuario della fauna selvatica. La popolazione totale di queste famiglie è di 10.604 (info dal Piano WWS). Queste famiglie comprendono diversi tribali comunità, obc e altri. L'adivasi PVTG di Kattunaikar e Mullu Kuruma, sono la maggioranza nella zona, e sono considerati gli abitanti della foresta “reali” del santuario in quanto hanno un rapporto più stretto alla foresta. L'Adivasi di questa zona hanno lottato per rivendicare la loro terra da decenni; uno dei più importanti lotte ebbe luogo nel 2003 con il nome di 'Muthanga' dove migliaia di Adivasi occupato la gamma Muthanga del WWS per occupare la terra considerata da loro territori ancestrali [1]. $% anche se Wayanand è stato considerato il quartiere in India, dove sono stati distribuiti la maggior parte degli IFRS, questo è diventato più un lavoro amministrativo, piuttosto che una vera e propria distribuzione della terra $% & $% & Infatti, come Paniyar indigena di Wayanand dice:. “che aiuto sarà il FRA portare? Loro non ci stanno dando terreno extra. Solo una carta per la casa che abbiamo già in possesso.”[10]. $% & $% & Al contrario, mentre sono stati distribuiti individuale Patta (titolo di terra), un piano di sgombero è iniziata nel 2012, quando il Dipartimento forestale Kerala ha proposto di convertire il santuario in un Tiger Reserve, ma il piano ottenuto contestate e opposti. Ciò ha portato a ondate di proteste e agitazioni contro il 'movimento' di trasformare la Wayanad WLS come Tiger Reserve, in quanto v'è stata una vera e propria preoccupazione sulle nuove restrizioni della zona, come ad esempio lo spostamento e la libertà di attività all'interno della zona centrale [2 ]. Anche se il santuario della fauna selvatica non è mai stato trasformato in uno spostamento Tiger Reserve ha iniziato da effettuare. Nelle principali quotidiani nazionali e locali, il trasferimento è stato chiamato come ‘volontaria’ [3], ma come per discussioni locali con la comunità le persone sono state indotte a muoversi nel quadro di un piano di compensazione che non è stato correttamente rispettato. Infatti i diritti delle comunità forestali ai sensi della legge diritti sono stati negati per le comunità e il ‘consenso informato libero’ per la delocalizzazione non adeguatamente preso. Invece di terra coltivabile, solo una terra fattoria è stato distribuito lasciando la gente nella stessa catena della povertà. $% & $% & Circa 4 villaggi sono stati già trasferiti e non v'è un piano per urgentemente al trasferimento di altri 14 insediamenti della zona della foresta. Secondo il FD insediamenti riconosciuti per essere trasferiti sono pari a 110. Secondo i dati ufficiali MoEF, 2011-2014, il MoEF stanziato un importo di 17,8 rupie per il progetto di ricollocazione [4]. Nel settembre 2017, un rapporto in The Hindu afferma che governo del Kerala è alla ricerca di 100 crore di rupie per il trasferimento delle famiglie dalle aree protette [5]. Nel 2013, 16 famiglie che ha ottenuto trasferito protestato per le povere condizioni di riabilitazione dicendo che non hanno ricevuto le 10 rupie che sono stati promessi, e quindi abbiamo deciso di ritornare alla loro terra [6]. $% & $% & Disegno dal esperienza negativa delle famiglie già trasferiti, nuove famiglie che ora sono previsti per essere trasferiti, hanno iniziato a protestare all'interno della chiedere santuario per un equo compenso prima dell'inizio della delocalizzazione [7]. $% & $% & poco è cambiato dal 2003, e distribuzione della terra continuano ad essere un problema nel territorio Wayanad. Le comunità sono ora lottando per il riconoscimento dei loro diritti foresta comunitaria sotto FRA. I diritti individuali forestali (IFRS) sono stati distribuiti a quasi tutte le famiglie, ma le stesse famiglie sono previsti anche per essere sfrattati in contraddizione con la legge FRA. $% & $% &

Informazioni di base
Nome del conflittoSfratto a Wayanad Wildlife Sanctuary e Muthanga Adivasi agitazione, Kerala, India
NazioneIndia
Città e regioneKerala
Localizzazione del conflittoSultan Bathery
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloConflitti legati alla conservazione della biodiversità
Tipo di confitto. Secondo livelloCreazione/conservazione di riserve/parchi naturali
RisorseTerra
Risorse biologiche
Servizi turistici
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Wayanad Wildlife Sanctuary è stato notificato nel 1973 da intaglio aree fuori dalle Divisioni Territoriali Wayanad e Kozhikode. Una divisione della fauna selvatica a parte, la Divisione Wildlife Wayanad è stata costituita nel 1985. Ci sono 13 riservati foreste in questo santuario. Il Santuario è una parte di Nilgiri Riserva della Biosfera e Project Elephant Reserve No. 7. E 'contiguo con Mudumalai Wildlife Sanctuary di Tamil Nadu e Bandipur e il Parco Nazionale Nagarahole del Karnataka. È un animale santuario Ha un'estensione di 344,44 km² con quattro intervalli cioè Sulthan Bathery, Muthanga, Kurichiat e Tholpetty. Una varietà di grandi animali selvatici come bisonti indiani, elefanti, cervi e la tigre si trovano lì. area è divisa in un nucleo ed una zona cuscinetto. La zona centrale compresa come area di 111 kmq., Si compone di foreste naturali, comprese le aree contigue ai confini interstatali. Silvicoltura e attività di intervento di gestione sono consentite solo nella zona cuscinetto. Si è anche identificato come zona turismo, che si trova nella zona di Muthanga e Tolphetty gamme. E 'stato proposto di sviluppare questo settore per fornire strutture adeguate per i turisti.

Area del progetto34.440
Livello degli investimenti:20.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:10.600
Data di inizio del conflitto:01/09/2001
Attori governativi rilevanti:Foresta Dipartimento Kerala
Istituzioni internazionali o finanziarieWorld Wildlife Fund (WWF) from Switzerland
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Adivasi Dalit azione del Consiglio - che in seguito divenne l'Adivasi Gothra Maha Sabha (2003)
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Contadini senza terra
Organizzazioni/comitati di donne
Gruppi etnici/razziali discriminati
gruppo indigeno di Kattunaikar e Mullu Kuruma. Adivasi donna leader C.K. Janu
Forme di mobilitazione:Blocchi stradali o picchetti
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Proteste di strade/manfestazioni
Occupazioni di spazi pubblici e edifici
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole
Potenziale: Perdita di biodiversità, Degradazione paesaggistica
Impatti sulla salutePotenziale: Problemi di salute pubblica connessi ad alcolismo, prostituzione ecc., Malnutrizione
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Altro (specificare)
Potenziale: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Aumento della violenza e della criminalità, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc)
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Attacchi violenti ad attivisti
Temporanea sospensione del progetto
Sviluppo di proposte alternative:Rivendicazione dei diritti individuali e collettivi forestali
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoLa protesta di persone dal 2003 ha portato a promesse di assegnazione delle terre e in seguito ha portato a sospendere il piano e cercando di convertire la Wayanad Wildlife Sanctuary in un Tiger Reserve. Tuttavia spostamento è effettuata dal Dipartimento forestale, anche se non è ancora una Tiger Reserve, e le comunità sono state indotte a muoversi fuori del luogo della foresta, spesso con false promesse di terra e di denaro.
Meta informazioni
Collaboratore:Eleonora Fanari, [email protected], ICTA
Ultima modifica23/02/2019
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.

This case form has been translated for your convenience using translation software powered by Google Translate. Therefore, they may contain errors. Any discrepancies or differences created in translating this content from the original version into another language are not binding and have no legal effect. If any questions arise related to the accuracy of the information contained in these translations, please refer to the version of the case in: English