Please zoom in or out and select the base layer according to your preference to make the map ready for printing, then press the Print button above.

Bhimashankar Wildlife Sanctuary. Non regolamento degli utilizzo delle risorse, dei diritti di accesso e di governance, un rallentamento per conservazione e mezzi di sostentamento, in India


Descrizione:

$% E $% e il conflitto è tra il Dipartimento Forestale e la popolazione locale, principalmente a causa della creazione di un santuario della fauna selvatica sotto la legge sulla protezione della fauna selvatica dell'India. $% E $% e Bhimashankar è situato sulla cresta dei Ghats occidentali Regione biogeografica - che è riconosciuta come uno dei 12 bodiversità hotspot del mondo. L'esclusiva bio geografia del santuario supporta una biodiversità immensamente dotata con circa 337 specie di flora e 259 faure. Il santuario è anche riconosciuto come un'importante area degli uccelli (IBA) da Bird Life International. $% E $% e l'area è composta da frammenti forestali di varie dimensioni intervallate da abitazione umana. La popolazione principale della zona dipende dall'agricoltura, dall'allevamento del bestiame e dalla raccolta di NTFP (prodotti forestali non legname) come la loro principale fonte di reddito. La terra forestale è soggetta ad agricoltura stabilita e spostata e la pratica di quest'ultimo ha gradualmente ridotto o in alcune aree è stato completamente abbandonato ora. Le persone locali estraggono anche e vendiamo piante medicinali dalle foreste nel santuario e all'esterno per essere vendute nella loro forma cruda, o trasformata in diversi medicinali. $% E $% e area Bhimashankar è anche conosciuta per il suo deorais (sacred Groves), Particolarmente all'interno del santuario è uno dei più grandi boschetti sacri dell'area. Ma recentemente alcuni ricercatori hanno riportato un graduale degrado della foresta in alcuni dei deorais a causa di credenze sacrosanct gradualmente diminuite tra gli abitanti del villaggio. È stato dichiarato $% e $% e Bhimashankar Wildlife santuario Il 16 settembre 1985, 130.78 km² (sotto la legge sulla protezione della fauna selvatica, 1972), per la protezione e la proliferazione del Shekaroo dello stato di Stato di Maharashtra, lo scoiattolo gigante indiano (Ratufa Indica Elphistonii), è uno dei tre minacciosi Indo -Malayan Squirrels, insieme alle risorse limitate all'interno dell'area. $% E $% e la dichiarazione è entrata in effetto immediato e questo ha portato a negazione dei diritti di accesso (atto di protezione della fauna selvatica, 1997) t o o per le persone locali nella foresta su cui erano dipendenti per generazioni. Ciò ha comportato un costante conflitto tra la popolazione locale e i funzionari della foresta che tentano di attuare l'atto. $% E $% e un totale di 18 villaggi e i loro borghi sono situati geograficamente all'interno del santuario, abitato da circa 3000 persone come il censimento del 1991 . Gli abitanti sono principalmente comunità tribali, vale a dire Mahadev-Kolis e Katkaris. Inoltre, la comunità pastorale di Dhangar e le comunità Dalit risiedono anche nel santuario. $% E $% e sotto la legge sulla protezione della fauna selvatica, prima della notifica finale del santuario, di un accordo di processo dei diritti (che invita le richieste di diritti registrati e quindi O compensando e acquisendoli o permettendoli) è obbligatorio. Il rapporto è stato completato nel 1999, ma la notifica finale del santuario non è ancora stata emessa. $% E $% e rivolta a restrizioni improvvise sul loro accesso alle risorse e una costante minaccia di trasferimento dai loro villaggi ancestrali, le persone locali hanno organizzato varie proteste , ha tenuto raduni e blocchi di blocco. Nel corso degli anni la situazione del conflitto continuò con la popolazione locale che continua a accedere alle risorse e "illegalmente" e affrontando regolarmente le molestie dallo staff della foresta. $% E $% & Nel 2006, la legge sui diritti della foresta (FRA) è stata emanata dal Parlamento dell'India, riconoscere i diritti tradizionali e consuetudini delle tradizionali comunità abitanti della foresta. FRA ha fornito il riconoscimento dei diritti terrestri individuali, dei diritti della foresta comunitaria e del diritto di gestire, proteggere e conservare le foreste. Ciò ha fornito agli abitanti del villaggio locale a rivendicare i diritti legali sulle loro foreste, ma a causa della mancanza di consapevolezza sull'atto e sulla procedura per l'attuazione, non è stato attuato per molto tempo. $% E $% e la situazione sta lentamente migliorando Ci sono stati tentativi da più ONG, con approcci vari, per affrontare questa situazione di conflitto e ingiustizia. Questi includono gli sforzi per mobilitare le comunità, in particolare le donne, verso l'auto-empowerment, aiutando i previsioni dei pasta per i villaggi per la gestione e la conservazione delle foreste, alcuni villaggi che rendono le regole e i regolamenti per la gestione e la conservazione delle foreste, avviando pratiche di raccolta del miele sostenibile, tra gli altri. Il governo sta anche implementando lo schema di sviluppo del villaggio ecologica nei villaggi, che comporta il villaggio e lo sviluppo ecologico della zona. Sotto questo, alcuni villaggi hanno avviato il modello eco-turismo che aiuta a creare un turismo responsabile basato sulla comunità per fornire mezzi di sostentamento. Questo schema ha inoltre fornito gas di cottura, caldaie ad acqua per ridurre il consumo di legno del carburante. Tra gli altri obiettivi del sistema è di condividere i benefici finanziari che accumulano dal turismo nel santuario con la popolazione locale. $% E $% e come risultato delle lotte locali e alcune delle iniziative sopra menzionate, i conflitti relativi alle restrizioni sull'accesso alle risorse si sono ridotti nel corso degli anni. Sebbene in una certa misura ci sia la collaborazione tra il Dipartimento Forestale e la popolazione locale, in particolare mentre si attua il regime di sviluppo eco-sviluppo, il rapporto di diffidenza reciproca tra i due continua. Mentre gli abitanti del villaggio stanno diventando sempre più consapevoli dei loro diritti di accesso e autorizzazione, i funzionari della foresta continuano a affermare la loro autorità e il potere. Corruzione finanziaria, non cooperazione e molestie occasionali continuano ad essere utilizzate dallo staff della foresta. Ciò ha creato una situazione che è sia difficile che scoraggiante per un'efficiente gestione dell'area protetta (PA). Nel 2009, la clearance forestale è stata concessa a Andhra Wind Power Project Enercon-India senza completare i processi ai sensi della legge sui diritti della foresta. Il progetto si trova a 10 km di raggio di Bhimashankar Wildlife Sanctuary dove si trova il corridoio meridionale e il tampone. $% E $% e $% e $% &

Informazioni di base

Nome del conflittoBhimashankar Wildlife Sanctuary. Non regolamento degli utilizzo delle risorse, dei diritti di accesso e di governance, un rallentamento per conservazione e mezzi di sostentamento, in India
NazioneIndia
Città e regioneMaharashtra.
Localizzazione del conflittoBhimashankar Wild Life Sanctuary nel distretto di Pune
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)

Causa del conflitto:

Tipo di conflitto. Primo livelloConflitti legati alla conservazione della biodiversità
Tipo di confitto. Secondo livelloCreazione/conservazione di riserve/parchi naturali
Discariche, trattamento rifiuti speciali/pericolosi, smaltimento illegale
Infrastrutture turistiche
Altro (specificare)
Eolico
RisorseTerra
Risorse biologiche
Servizi turistici
Frutta e verdura

Dettagli del progetto e attori coinvolti

Dettagli del progetto

Il Santuario del Bhimashankar Wildlife è stato dichiarato il 16 settembre 1985, 130.78 km² (sotto la legge sulla protezione della fauna selvatica, 1972), per la protezione e la proliferazione del Shekaroo dello stato di Maharashtra, lo scoiattolo gigante indiano (Ratufa indica Elphistonii), essendo uno dei tre scoiattoli indo-malayan minacciati, insieme alle risorse limitate all'interno dell'area.

Area del progetto13.078.
Tipo di popolazioneRurale
Data di inizio del conflitto:10/10/1985
Attori governativi rilevanti:Maharashtra Forest Department.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Kalpavriksh (http://www.kalpavriksh.org/) Maharashtra ARogya Mandal Kisaan Sabha Shashwat

Conflitto e mobilitazione

Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Popoli indigeni
Organizzazioni sociali locali
Pastori
Organizzazioni/comitati di donne
Forme di mobilitazione:Blocchi stradali o picchetti
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Referendum e altre consultazioni popolari
Proteste di strade/manfestazioni
Processi verso l'empowerment di sé organizzando istituzioni del villaggio, organizzando discussioni regolari e avviando processi decisionali locali e processi di pianificazione locali. Dialoghi con le Fucntionarie del governo locale incluso il personale della foresta, utilizzando diritto alla legge sulle informazioni per fornire informazioni corrette, partecipazione più attiva ai processi locali e decisionali della decisione, formazione e rafforzamento dei collettivi delle donne.

Impatti del progetto

Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Fuoriuscite di contaminanti, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Impatti socio-economiciVisibile: Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Espropri di terra

Risultati

Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Cambiamenti istituzionali
Nuove legislazione/norme
Rafforzamento della partecipazione
Asserting diritti ai sensi della legge sui diritti della foresta
Sviluppo di proposte alternative:Mobilitazione comunitaria, rafforzamento dei processi decisionali locali, le donne di collettività e la partecipazione attiva ai processi decisionali locali, rafforzando le economie locali basate sulla foresta locale, attività del turismo a LED della Comunità, progetto di conservazione dell'ape, sforzi nei confronti della mobilitazione giovanile.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoSì, ma non ancora ancora, sembra di muoversi nella direzione del raggiungimento della giustizia ambientale. Il passaggio della legge sui diritti della foresta ha portato sollievo alla gente del posto dipendeva dalle risorse forestali. Le recenti iniziative mostrano un'importanza crescente data alla conservazione e alle pratiche alternative.

Meta informazioni

Ultima modifica15/03/2019

Images