Please zoom in or out and select the base layer according to your preference to make the map ready for printing, then press the Print button above.

Buxa Tiger Reserve, West Bengal, India


Descrizione:

La riserva di Buxa Tiger è situata nella sotto-divisione Alipurduar del quartiere di Jalpaiguri, al Bordo del Nord-orientale del Bengala occidentale, in India. È stato dichiarato riserva di tigre nell'anno 1983 nel distretto di Jalpaiguri quando è diventato la quindicesima riserva Tiger del paese. La lotta sopra i diritti della foresta risalgono al tempo coloniale. Tuttavia, la dichiarazione dell'area sotto progetto Tiger, le restrizioni imposte sulla raccolta di risorse naturali e la minaccia del trasferimento è diventata una vera minaccia per gli abitanti del villaggio locale. $% $% Della FRA. $% Torna ai tempi coloniali Quando queste foreste sono state dichiarate come "foreste di riserva" [5, 6] che negano tutti i diritti sulle risorse naturali alle comunità locali [1, 2, 3]. La creazione di "villaggi forestali" nei tempi coloniali trasformò queste comunità in manodopera slave aenti che doveva lavorare senza stipendi per gli inglesi e sono stati costretti a firmare accordi con il dipartimento forestale in tal senso [4]. Tuttavia, le cose non cambiano molto dopo l'indipendenza e fino ad oggi, il Dipartimento forestale crea ostacoli significativi nelle attività di sostentamento dei villaggi, incluso fermare le persone dalla raccolta di prodotti forestali non legnosi (NTFP) e al pascolo, collezione di legna da ardere e legname per riparazioni di case , tagliare le strade di accesso ai villaggi e radere colture a terra [4]. $% Sadharan Rabha (14) che è stato battuto a morte in ampia luce del giorno nel 2000; E Hradong Rabha (24) che è stato battuto e gaarrottato nel 2005. Secondo il Dipartimento Forestale Statale, il numero di decessi è salito a 13 dal 2007 [1]. I funzionari della foresta hanno affermato che le morti causate erano di mafie di legname, ma il parere delle comunità locali era che fossero dalla comunità e non fanno parte di qualsiasi catena della mafia. $% In questo incontro uno di loro, Samuel Rabha, è morto sul posto [2]. I membri di Ubvjsm hanno chiesto un'inchiesta di alto livello nelle uccisioni e altre atrocità commesse dalla FD. Tuttavia, nessuno dei colpevoli responsabili di queste decessi è stato punito finora, e non è stata presa alcuna azione dipartimentale. $% "I Rabhas che vivono nella zona tampone della Buxa Tiger Reserve devono vedere qualche ironia nel loro stato ufficialmente riconosciuto di partner Conservazione della fauna selvatica. Il progetto Tiger ha finora significato solo accanto all'occupazione e accesso alla foresta per loro "[3]. $% e $% e gli abitanti del villaggio continuano a protestare e chiedendo i loro diritti di foresta da stabilirsi e riconosciuti. Secondo le informazioni condivise da Soumitra Ghosh di Nespon, i 36 Gram Sabhas hanno presentato le loro richieste sui diritti comuni delle risorse forestali presso il comitato del livello secondario (SDLC). Tuttavia nessun'ulteriore informazione è stata condivisa con gli abitanti del villaggio e nessuna ulteriore azione è stata presa dalle autorità, lasciando ancora queste affermazioni in sospeso. $% E $% &

Informazioni di base

Nome del conflittoBuxa Tiger Reserve, West Bengal, India
NazioneIndia
Città e regioneBengala occidentale
Localizzazione del conflittoAlipurduar.
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)

Causa del conflitto:

Tipo di conflitto. Primo livelloConflitti legati alla conservazione della biodiversità
Tipo di confitto. Secondo livelloCreazione/conservazione di riserve/parchi naturali
RisorseServizi turistici
Legname

Dettagli del progetto e attori coinvolti

Dettagli del progetto

L'area totale della riserva Tiger è oggi di 757.90 kmq (come da notifica 6027, del 18.12.2007), di cui 390.58 kmq costituisce l'area centrale del parco e l'altra 367.32 dell'area del buffer. I limiti dell'area principale sono stati ampliati dal 1990, quando il Parco Nazionale, che costituiva l'area centrale del parco, era di 117,10 kmq.

Nel 1996 Buxa Tiger Reserve è stata una delle 7 aree protette scelte per l'attuazione dei progetti di sviluppo Eco indiano (IEDP), un progetto finanziato dalla Banca Mondiale con l'obiettivo di proteggere la diversità biologica implementando una strategia di eco-sviluppo. Il costo totale stimato del progetto, che è stato approvato nel 1996 e chiuso nel 2002, era di circa $ 67 milioni, di cui la quota IDA era di US $ 28 milioni, GEF US $ 20 milioni, il governo nazionale e lo stato statunitense $ 14,42 milioni e comunità locali US $ 4,5 milioni. Sebbene l'obiettivo di questo progetto sia stato il coinvolgimento delle Comunità nella gestione della conservazione, ha dato solo più potere al dipartimento di gestione della foresta creando programmi che escludano l'idea dell'uso delle risorse naturali da parte del popolo locale e criminalizzando chiunque fosse avventurato nel foresta.

Nel 2007 il parco nazionale e il santuario della fauna selvatica sono stati notificati come habitat di tigre critico (CTH). Circa 10 villaggi risiedono all'interno della nuova area di anima inviolata. Gli altri 28 risiedono nell'area della Foresta di Buffer.

Area del progetto75.790.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:18.000.
Data di inizio del conflitto:16/02/1983
Attori governativi rilevanti:Dipartimento della Foresta Bengala Occidentale
Istituzioni internazionali o finanziarieThe World Bank (WB) from United States of America
World Wildlife Fund (WWF) from Switzerland
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Uttar Banga Ban-Jan Shrromojivi Manch (UBJSM)
Tutto il forum dell'India dei movimenti forestali (AIFFM)
Associazione per la protezione dei diritti democratici (APDR)
Nespon.

Conflitto e mobilitazione

Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Movimenti sociali
Rabha Group indigeno
Forme di mobilitazione:Boicottaggio procedure ufficiali/non partecipazione a processi ufficiali (es. consultazioni)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Azioni legali/giudiziarie
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Rifiuto di risarcimento/compensazioni

Impatti del progetto

Impatti ambientaliVisibile: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole
Potenziale: Perdita di biodiversità, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Impatti sulla saluteVisibile: Morti
Potenziale: Malnutrizione
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Aumento della violenza e della criminalità, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Violazione dei diritti umani, Altro (specificare)
Potenziale: Sgomberi/sfollamenti, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Specifici impatti sulle donne, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo

Risultati

Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Corruzione
Criminalizzazione degli attivisti
Morti, Omicidi, Assassinii
Delimitazione territoriale
Migrazioni/sfollamenti
Attacchi violenti ad attivisti
Promozione della cultura della pace
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoLe persone resistono, ma la militarizzazione è ancora molto alta nella zona e le persone non hanno la libertà di accedere alle loro risorse dovute. Tuttavia, grazie all'Unione della popolazione locale e alla loro resistenza, la violenza sembra diminuire negli ultimi 7 anni.

Fonti e materiali

Altri commenti:Siamo grati per le informazioni condivise da Soumitra Ghosh di Nespon e l'intervista e le discussioni condivise dagli attivisti locali e dai membri dell'Uttatar Banga Ban-Jan Shromojivi Manch, in particolare per Sundarsingh Rabha.

Meta informazioni

Ultima modifica14/12/2018

Images

 

Buxa Tiger Reserve

Entry of the Tiger Reserve.

Rabha women

Rabha women praying in Buxa. Retrieved from https://globalforestcoalition.org/community-conservation-can-cool-the-planet/