Please zoom in or out and select the base layer according to your preference to make the map ready for printing, then press the Print button above.

Parco nazionale di Jaldapara, West Bengal, India


Descrizione:

Il Parco Nazionale di Jaldapara è situato nel distretto di Alipurduar di North Bengal, un'area per lo più abitata dalla comunità indigena di Rabha (o Rava). È stato dichiarato un santuario della fauna selvatica nel 1941, e il suo habitat sostiene le popolazioni di rinoceronte a un cornuto, gay, leopardo, elefante, cinghiali, sambar, cervi macchiati e altre rare varietà di animali, uccelli, rettili e anfibi. Da allora è stato esteso fino a un'area di 261,51 mq nel 1998, e ufficialmente riconosciuto sotto la categoria del Parco Nazionale nel 2014 (EnVis, 2019). Dal 2009 dodici villaggi di circa 2.150 famiglie hanno chiesto il riconoscimento dei diritti delle risorse forestali della Comunità (CFR) ai diritti dei diritti dei diritti della foresta, il 2006. La FRA riconosce i diritti degli abitanti delle foreste e delle tribù programmate (comunità indigene), da usare e abitare il area. Tuttavia, fino ad oggi non è stato riconosciuto un singolo cfr. Dal 2008, i conflitti tra le comunità forestali e il dipartimento forestale hanno iniziato a scatenare, quando gli abitanti del villaggio hanno gettato un assedio del deposito del legname dipartimentale presso il villaggio della foresta di Basti del Kodal e ha smesso di estranei e roba dipartimentale dall'estrazione di legname dalle foreste di Chilapata che formano una parte cruciale del Jaldapara NP. Nel 2010, più di 500 abitanti delle foreste di Kodal Basti Gram Sabha sono stati organizzati per recuperare i loro diritti della foresta e sopportare un consiglio di assunzione della loro autorità sul loro CFR, che è stato auto-proclamato l'azione ha portato a molestie e repressione contro lo scambio di locali e attivisti i loro dovuti diritti; Sono stati presentati casi criminali contro molti $% $% della loro area di risorse della foresta comunitaria e non può essere perseguito per aver effettuato i loro doveri [1]. $% e $% e in questa protesta Le donne sono state all'avanguardia della resistenza, organizzando pacificante Dimostrazioni e attività come abbracciare i loro alberi e quindi proteggerli dall'essere abbattuti. Nel 2014, una forte protesta ha partecipato da centinaia di GRAM SABHAS e sostenuto dal Banga di Uttatar Ban-Jan Shromojivi Manch, conduce al deposito di casi penali contro cinque membri del Nord Khairbari Gram Sabha, vale a dire Rabi Rabha, Subhas Rabha, Kutin Rabha , Sarbat Rabha e Bipin Rabha sotto sezioni 34, 186, 341 e 353 di IPC Viz. Caso n. 514 del 18 gennaio 2014. $% e $% e da questa protesta, il movimento ha acquisito fiducia e autorità nella loro lotta, e ora stanno gestendo la loro area di risorsa della foresta della comunità con determinazione. Una testimonianza è una lettera del 18 gennaio 2017 (dovrebbe essere 2014 - si prega di controllare) dall'FD che richiede il permesso al North Karbari Gram Sabhas per l'operazione di taglio degli alberi (condivisa da Sundarsingh Rabha, membro della Comunità e di UBBJSM). $% E $% &

Informazioni di base

Nome del conflittoParco nazionale di Jaldapara, West Bengal, India
NazioneIndia
Città e regioneBengala occidentale
Localizzazione del conflittoDistretto di Alipurduar
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)

Causa del conflitto:

Tipo di conflitto. Primo livelloConflitti legati alla conservazione della biodiversità
Tipo di confitto. Secondo livelloCreazione/conservazione di riserve/parchi naturali
RisorseRisorse biologiche
Legname
Servizi turistici

Dettagli del progetto e attori coinvolti

Dettagli del progetto

Il parco nazionale di Jaldapara è un parco nazionale situato ai piedi dell'Himalaya orientale nel distretto di Aliparduar del Nord del Bengala occidentale. È stato dichiarato un santuario della fauna selvatica nel 1941 dal coloniale inglese per proteggere la fauna e la flora della zona. È stato ampliato fino a un'area di 261.51 kmq nel 1998 e ufficialmente riconosciuto sotto la categoria del Parco Nazionale nel 2014.

L'area è per lo più abitata dalla comunità indigena del Rabha. Altri includono Oraoni, Mundas, Kharia, Chik Baraik ha portato da Jharkhand e Chhattisgarh e si è stabilito in questi villaggi durante il dominio coloniale per formare una prigiuta piscina del lavoro per le operazioni forestali. Holapada Titi è sede delle comunità del Nepal nully chetri, Sharma, Mangar, Biswakarma, Majhi e Tamang. Gli abitanti del Nord Khairbari includono, oltre alle comunità di Rabhas, Pradhan e Mech / Bodo. Le religioni predominanti sono induismo e cristianesimo. Le lingue parlate nella regione sono Rabha, Nepali, Bengala, Hindi, Kuduk, Sadri, Bodo [4]

La vicina Foresta di Chilapata è un corridoio elefante tra Jaldapara e Buxa Tiger Reserve, ed è per lo più in questa zona che si svolge il colpo di abbattimento del taglio (CFC).

Area del progetto26,151.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:2.150 famiglie
Data di inizio del conflitto:01/01/2010
Attori governativi rilevanti:Dipartimento della Foresta Bengala Occidentale
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Uttar Banga Ban-Jan Shromojivi Manch
North Karbari Gram Sabhas
Tutto il forum indiano della foresta (AIFFP)
Nespon.

Conflitto e mobilitazione

Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Organizzazioni/comitati di donne
Gruppi etnici/razziali discriminati
Rabha Group indigeno
Forme di mobilitazione:Boicottaggio procedure ufficiali/non partecipazione a processi ufficiali (es. consultazioni)
Lavoro di rete/azioni collettive
Azioni legali/giudiziarie
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Rifiuto di risarcimento/compensazioni

Impatti del progetto

Impatti ambientaliPotenziale: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Perdita di biodiversità
Impatti sulla salutePotenziale: Malnutrizione
Impatti socio-economiciVisibile: Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Violazione dei diritti umani
Potenziale: Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Specifici impatti sulle donne, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo

Risultati

Status attuale del progettoPianificato (decisione di procedere assunta, es. approvazione VIA-AIA)
Risultato del conflitto/risposta:Criminalizzazione degli attivisti
Miglioramenti ambientali, bonifiche, risanamento delle aree
Delimitazione territoriale
Rafforzamento della partecipazione
Attacchi violenti ad attivisti
Sviluppo di proposte alternative:8 gennaio 2014. Comunicato stampa. [1]. Uttar Banga Ban-Jan Shromojivi Manch esige che:
1. Il dipartimento della foresta deve sospendere immediatamente le loro operazioni CFC nelle foreste di Khairbari e non iniziare nuove CFC in nessun'altra foresta su cui le comunità hanno un reclamo.
2. Il governo del Bengala occidentale deve garantire che i diritti della Comunità dei tribù delle dimore forestali e di altri abitanti tradizionali delle foreste sulle loro foreste siano debitamente protetti, e avviano il dovuto processo ufficiale per riconoscere e registrare i diritti della foresta compresi i diritti sulla risorsa forestale comunitaria.
3. Tale procedimento giudiziario secondo la sezione 7 di FRA viene avviata contro tutto il personale del Dipartimento della foresta, e altri che hanno tentato di tagliare trecce nelle foreste di Khairbari.
LAL SINGH BHUJEL.
Sundar canta Rava.
(Conviders)
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoNon considererei un successo completo, ma un successo parziale. Le comunità continuano ad essere minacciate dal dipartimento forestale, la violazione dei diritti umani continua ad accadere, e i diritti della foresta non sono stati ufficialmente riconosciuti. Tuttavia, la Comunità ha iniziato a assistere i loro diritti su terreni e foreste in modo efficace, organizzando attività di pattugliamento, pianificando strategie di conservazione e mappare la propria area per creare il proprio modello di conservazione comunitaria.

Fonti e materiali

Altri commenti:Siamo grati per i dati condivisi da Soumitra Gosh di Nespon e da Sundar canta Rava, il comodo del Banca di Uttar Banca Ban-Jan Shromojivi Manch.
Alcuni dati sono stati raccolti direttamente dal campo attraverso la discussione del sondaggio con i membri della Comunità e i leader del movimento.

Meta informazioni

Ultima modifica25/03/2019

Images

 

A Raba woman living at the fringe of the park

Credit: Eleonora Fanari

Sundar, one of the leaders of the movement, in front of the forest

credit: Eleonora Fanari

Banner of Uttar Banga Ban-Jan Shromojivi Manch, February 2014

The banner that represents their movement and their struggle. It was held in the village of North Khairbari as a symbol of their successful struggle. Credit: Eleonora Fanari