Please zoom in or out and select the base layer according to your preference to make the map ready for printing, then press the Print button above.

Rasi Salai Dam, Thailandia


Descrizione:

La diga di Rasi Salai, situata nella regione nord-orientale della Thailandia sul fiume Mun, fa parte del regime Khong-Chi-Mun Project (KCM), uno schema di irrigazione su larga scala previsto per il nord-est della Thailandia (noto anche come la regione di Isaan) il governo thailandese. Il progetto è stato commissionato nel 1989, la costruzione è iniziata nel 1992 ed è stata completata nel 1994 come diga di cemento alta 17 metri con un grande serbatoio. I piani originali erano per la diga per fornire l'irrigazione a circa 5.500 ettari; Tuttavia, la seconda stima ha suggerito che solo 1.600 ha di terra sarebbero irrigate. Sfortunatamente, i canali non sono mai stati completati, rendendo così la diga inutile. La diga è stata originariamente stimata a un costo di $ 4,32 milioni (140 milioni di baht), ma i costi effettivi sono stati di gran lunga superiori a 26,7 milioni di dollari (871 milioni di baht - quasi sei volte l'importo previsto).

0 Molte controversie hanno circondato la diga di Rasi Salai. Nel 1989, quando il governo approvò la diga per la costruzione, una valutazione dell'impatto ambientale (VIA) non fu preparata, nonostante i requisiti nazionali per farlo; Né era lì la consultazione del villaggio. Nel 2000 il Dipartimento per lo sviluppo e la promozione (DEDP) ha accettato di effettuare una valutazione dell'impatto sociale (SIA) che è stata completata nel 2010. Inoltre, a partire dal 2010, la VIA era stata avviata ma non è stata ancora completata. L'area inondata era in precedenza un'area abbondante con terreni ricchi per la coltivazione del riso e la foresta delle zone umide che offrivano agli abitanti delle villaggi altre opportunità di sostentamento. Le persone colpite mancano ancora di un risarcimento equo e le perdite non sono mai state valutate o riconosciute ufficialmente. Il risarcimento è stato pagato in tre round separati a partire dal 1996 in cui 1.154 famiglie su oltre 3000 sono state compensate ad un tasso di 32.000 baht per rai di terra. I round successivi di compensazione variano nell'ammontare del compenso fornito e del numero di famiglie ammissibili. Tuttavia, circa la metà degli abitanti del villaggio colpiti ha ricevuto un risarcimento insufficiente o nessun. Nel corso del progetto, gli abitanti del villaggio sono stati ripetutamente esclusi dal processo decisionale e l'accesso alle informazioni è stato negato, specialmente nelle fasi finali della costruzione. Oltre alla perdita di circa 15 specie di pesci e alla diversità del fiume e delle zone umide, il bacino idrico di Rasi Salai si trova in cima a un grande deposito sotterraneo di salto di roccia. Ciò ha provocato l'acqua che filtrava fino alle cupole di sale sotterranee e il ritorno del sale nel serbatoio aumentando così la salinità e diminuendo la produttività dell'irrigazione poiché le colture vengono esposte all'acqua salata. (1) (3) (4) (8) (9) (10) (12) (13) (14)

Informazioni di base

Nome del conflittoRasi Salai Dam, Thailandia
NazioneThailandia
Città e regioneProvincia di Si Sa Ket
Localizzazione del conflittoDistretto di Rasi Salai
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)

Causa del conflitto:

Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dell'acqua
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
Accaparramento di terre (land grabbing)
Idroelettrico e conflitti legati alla distribuzione dell'acqua
Itticoltura
RisorseTerra
Acqua

Dettagli del progetto e attori coinvolti

Dettagli del progetto

Capacità di irrigazione di 1.600 ha (ma non è stata realizzata)

Area del progetto10.000
Livello degli investimenti:$ 26.300.000 USD
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:15.000-17.000
Data di inizio del conflitto:01/07/1997
Attori governativi rilevanti:Ministero dell'ambiente, della tecnologia e della scienza, Rid (Royal Irrigation Department), DEDP (Dipartimento per lo sviluppo e la promozione dell'energia)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:International Rivers, AOP (Assembly of the Poor), TFCG (TAM Forest Conservation Group)

Conflitto e mobilitazione

Intensità del conflittoAlta (diffusa, mobilitazione di massa, arresti e reazione delle forze dell'ordine)
Temporalità del conflittoMobilitazioni dopo gli impatti
Gruppi mobilitati:Contadini
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Movimenti sociali
Scienziati / professionisti locali
Pescatori
Forme di mobilitazione:Blocchi stradali o picchetti
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Occupazione di terre
Lettere e petizioni di reclamo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Sabotaggi
Proteste di strade/manfestazioni
Occupazioni di spazi pubblici e edifici

Impatti del progetto

Impatti ambientaliVisibile: Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Perdita di biodiversità, Inondazioni, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Degradazione paesaggistica, Contaminazione dei suoli, Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Potenziale: Desertificazione, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica
Impatti sulla salutePotenziale: Malnutrizione, Morti
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine

Risultati

Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Migrazioni/sfollamenti
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoLa diga è vista come un fallimento generale per molte ragioni. La VIA richiesta per il progetto non è stata completata e il serbatoio si trova sopra una grande cupola di sale sotterranea, che si traduce in acqua troppo salata per l'uso di irrigazione. La salinazione del serbatoio significava che i canali di irrigazione della diga non furono mai costruiti e la seconda proposta che 1.600 ettari sarebbero state irrigate non fu completata con successo. Le persone hanno visto importanti perdite nei mezzi di sussistenza, che devono ancora essere riconosciute ufficialmente. Prima della costruzione, non sono state rilasciate informazioni sulla progettazione di progetti o impatti imminenti al pubblico (3) (12) (13) (14).

Fonti e materiali

Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

National Environment Quality Act (Thailand, 1992); Constitution of the Kingdom of Thailand B.E. 2550, article 57, article 58, article 66, article 67, article 85, article 87 (Thailand, 2007); Official Information Act (Thailand, 1997); Ratification of Rio Declaration, Agenda 21, UNFCCC; Khong-Chi-Mun Project (KCM, Thailand); Ninth National Plan (Thailand, from 2002 to 2009); Power Development Plan (Thailand);

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

(4) Molle, Francois. 2005. Irrigation and water policies in the Mekong region: current discourses and practices. International Water Management Institute (IWMI).

(6) Sneddon, Chris. 2002. Water Conflicts and River Basins: The Contradictions of Comanagement and Scale in Northeast Thailand. Society & Natural Resources 15.725-41.

(3) Dulin, Allison; Franko, Cloe; Heun, Christi; Masterson, Spencer. (2008). “Voices from the Margin: Economic, Social, and Cultural Rights in Northeast Thailand, Rasi Salai Dam”. ESCR Mobilization Report.

(5) South-East Asia Rivers Network (SEARIN Thailand), The Committee to Save Tam Mun (The Committee to Save the Fresh Water Swamp Forest in the Mun River), Assembly of the Poor, Wildlife Fund Thailand (20 April 1999) “Report on social impacts”

(7) Sneddon, C. 2003. Reconfiguring scale and power: the Khong-Chi-Mun project in northeast Thailand. Environment and Planning A 35.2229-50.

(8) Sretthachau, Chainarong; Nungern, Kittima and Olsson, Anna. (2000). “Social Impacts of the Rasi Salai Dam, Thailand: Loss of Livelihood Security and Social Conflict”. Southeast Asia Rivers Network (SEARIN). Submission for The World Commission on Dams Public Hearing, 26-27 February 2000.

(1) Coddington, Claire et al. (n.d.). “Rasi Salai Dam”. A Collaborative Community Consultation Report”.

(2) Committee of the Mun River Wetlands Conservation Network (CMRCN-Rasi) Peace and Human Rights Center of Northeast Thailand Peace and Human Rights Center of Northeast Thailand (2008) “Voices from the Margin - Economic, Social and Cultural Rights in Northeast Thailand - Rasi Salai Dam”, ESCR Mobilization Project

(9) The World Commission on Dams Public Hearing (2000) “Social Impacts of the Rasi Salai Dam, Thailand: Loss of Livelihood Security and Social Conflict”, February 26-27; 2000, Large Dams and their Alternatives in East and Southeast Asia: Experiences and Lessons Learned Southeast Asia Rivers Network (SEARIN)

(12) Dulin, Allison; Franko, Cloe; Heun, Christi; Masterson, Spencer. (2008). “Voices from the margin”. International Rivers. 8 December 2008.
http://www.internationalrivers.org/resources/voices-from-the-margin-rasi-salai-dam-2503

(11) ELECTRICITY GENERATING AUTHORITY of THAILAND, “Data on Rasi Salai Dam”,
www.egat.co.th

(13) Living Rivers Siam Association. (n.d.). “Rasi Salai Dam”.
http://www.livingriversiam.org/3river-thai/rs_en.htm

(10) Blake, David J.H. (2013). “Thai Dam-Affected Villagers Demand Fair Compensation”. International Rivers. From World Rivers Review, June 2013.
http://www.internationalrivers.org/resources/thai-dam-affected-villagers-demand-fair-compensation-8012

(14) Living Rivers Siam Association. (1999). “Basic information about Rasi Salai dam”. Thai Baan Research, Publications, 20 April 1999.
http://www.livingriversiam.org/3river-thai/rs/rsd_info_e1.htm

Meta informazioni

Ultima modifica24/06/2014
ID del conflitto:185