Please zoom in or out and select the base layer according to your preference to make the map ready for printing, then press the Print button above.

Parco nazionale di Simlipal, conflitto sul progetto di conservazione, Odisha, India


Descrizione:

Il Parco Nazionale Simlipal nel distretto di Mainbarhanj di Odisha, per lo più abitato da comunità indigene, è stato un luogo di conflitti tra le comunità locali e il dipartimento forestale. Il parco, che si sviluppa su 2.750 kmq, è stato dichiarato una riserva di Tiger nel 1973 e un santuario nel 1979. Nel 1986 il governo centrale ha segnato 845 kmq della riserva come area centrale; Lo stesso è stato in seguito ampliato nel 2007 a 1.194.75 kmq, Englobing 5 dei 65 villaggi che vivevano nei limiti del parco. Da allora il dipartimento forestale ha trasferito un numero di circa 453 famiglie sia dalla zona di base e del buffer. Ciò ha portato a una serie di conflitti tra le comunità indigene e il dipartimento forestale su diversi fronti. $% Upparbara Kamunda Andbahagar, Jamunagarh, Kobathoghai) situato nella zona principale. Solo un villaggio, Calledbakua, e circa due famiglie (gli altri sono stati trasferiti) del villaggio di Jamunagarh, hanno resistito al trasferimento. La contraddizione è che tutti questi villaggi hanno ricevuto diritti di risorse forestali comunitari nell'ambito dei diritti sui diritti della foresta (FRA) nell'aprile 2015.Localactivisti che lavorano in questa zona sostengono che il dipartimento forestale ha aggredito con forza questi villaggi della zona centrale in violazione della FRA; Tuttavia, le autorità forestali sostengono che tutto il trasferimento è stato volontario. $% fino ad ora un villaggio di nome Kiyajhar (abitato dalle tribù particolarmente vulnerabili (PVTG) delle comunità di Kharia) è già involontariamente trasferita a dicembre 2016. L'ultimo trasferimento di 24 20 gennaio 20120, sfollati 110 famiglie del villaggio di Khejuri nella zona del tampone, abitata dalle PvTs di Mankidia e Kharia. Secondo fonti locali, la mossa non è interamente volontaria come è stata salutata dai funzionari della foresta. I rapporti suggeriscono che più di 50 famiglie si sono rifiutate di spostarsi dal villaggio e stanno ancora residenti lì. Gli abitanti del villaggio hanno suggerito che non vogliono trasferirsi dal villaggio in quanto è la loro casa e l'intero processo è stato effettuato dal governo tenendo conto degli interessi acquisiti di alcuni "Dalals locali" (fonti locali). Le notizie riportano inoltre che il 16 novembre 2016 l'amministrazione distrettuale ha tenuto un incontro di Gram Sabha con funzionari della fauna selvatica e ONG, e in tale occasione, gli abitanti del villaggio hanno respinto la proposta che ha fornito 10 rupie lakh e 10 decimali e casa sotto il regime di Biju Kutir Yojna [4,5]. C'è anche un piano da trasferire dalla zona tampone il villaggio di Badakhasaira (abitato da Kolho e Kharia Tribes), situato presso la vicinanza delle aree principali. I casi di molestie e intimidazioni da parte delle guardie forestali sono state registrate in questo villaggio. $% Arbitrario e non sincronizzato con la foresta giusta atto, 2006. "Cinque villaggi sono stati rinominarti con la forza (....) fuori dallo STR in violazione della fauna selvatica Atto di protezione e atto di giusta foresta. I sabhaconsi gram non sono stati presi mentre le famiglie sono minacciate di rinunciare al loro tradizionale proprio sopra la foresta ", ha dichiarato il villaggio di Telenga Hasa ofjamunagad [2]. Telenga, che continua ancora a vivere insieme ad altre due famiglie nell'area principale, nonostante la mossa delle altre 35 famiglie nel settembre 2015, sta guidando i suoi villaggi a lottare contro la mossa ufficiale per sfittarli. A causa di ciò, è stato minacciato più volte dagli agenti di polizia che sono stati dedotti come "Se cerchi di rimanere, presenterà molti casi di polizia contro di te, diremo che sei maoisti e ti arrenderemo." [1]. $% Sialiatifiber, che si trova nell'area del nucleo denso della giungla. Nel 2017 c'è stata concorrenza sui diritti degli habitat delle mankidie, essenziale per la raccolta della loro fonte primaria di sostentamento. Secondo gli attivisti e le persone locali, il dipartimento forestale ha opposto alla decisione del collettore distrettuale di riconoscere questi diritti sul nucleo del TR. Ciò è accaduto subito dopo un ordine dato il 28 marzo 2017 da parte del National Tiger Conservation Authority (NTCA), che ha vietato il processo di distribuzione dei diritti tribali nella riserva Tiger in tutta l'India. Questo ordine è stato altamente criticato dalle società sociali, dalle comunità e dagli attivisti locali, come considerato illegale; In seguito è stato messo a fermarsi, tuttavia, ha creato un sacco di violazione dei diritti e delle molestie a livello locale [6]. Come nel caso dell'umericdia nell'area del simlipal. $% $% E $% &

Informazioni di base

Nome del conflittoParco nazionale di Simlipal, conflitto sul progetto di conservazione, Odisha, India
NazioneIndia
Città e regioneOdisha.
Localizzazione del conflittoMayurbhanj.
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)

Causa del conflitto:

Tipo di conflitto. Primo livelloConflitti legati alla conservazione della biodiversità
Tipo di confitto. Secondo livelloCreazione/conservazione di riserve/parchi naturali
RisorseTerra
Servizi ecosistemici
Servizi turistici

Dettagli del progetto e attori coinvolti

Dettagli del progetto

La riserva di Simlipal Tiger, è un blocco compatto di altopiano elevato situato nella parte centrale del quartiere di Mayurbhanj, nella parte settentrionale dell'Orissa. La foresta della riserva di Simlipal si è diffusa oltre 2.750 kmq, è stata dichiarata "Riserva Tiger" il 04.12.1973, sotto progetto Tiger Scheme dell'India. Il 31 dicembre 2007, l'habitat di Tiger critico (CTH) è stato dichiarato secondo la sezione 38 V dell'Atto di WLPA modificato, che estende la sua area centrale superiore a 1194.75 kmq e una zona tampone di 1555.25 kmq.

Il parco nazionale è composto da sette gamme con 39 campi di protezione. La zona del buffer ha tre divisioni forestali con 12 gamme e 19 campi di protezione. C'è una rete stradale di 597 km all'interno del nucleo, e 139 km nella zona di buffer di Simlipal Tiger Reserve.

Ci sono 1.265 villaggi all'interno della riserva della biosfera semplificata con una popolazione totale di 4,62 lakh, di cui il 73,44% appartiene ai gruppi minoritari. Su 1.265 villaggi, 61 villaggi sono situati all'interno della zona santuario di cui 60 villaggi sono nella zona del buffer e 1 villaggio esiste ancora nell'area principale. Ci sono 3 Gram Panchayats all'interno di Simlipal, Viz. Gudugudia, Barheipani e Astakumar. Secondo il censimento 2001 la popolazione totale della st nell'area di Simlipal è di circa 11.520 (91,77%). Il buffer ha una popolazione totale di 12.500 persone.

Area del progetto275.000.
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:24.
Data di inizio del conflitto:1973
Attori governativi rilevanti:Odisha Forest Department.
Autorità nazionale di conservazione della tigre (NTCA)
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Vasundhara https://www.vasundharaodisha.org/
Creftda http://creftda.org/

Conflitto e mobilitazione

Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Organizzazioni sociali locali
Contadini senza terra
Gruppi etnici/razziali discriminati
Tribù programmata (Adivasi)
Forme di mobilitazione:Referendum e altre consultazioni popolari
Proteste di strade/manfestazioni
Appelli/ricorsi per una valutazione economica dello status dell'ambiente
Rifiuto di risarcimento/compensazioni

Impatti del progetto

Impatti ambientaliVisibile: Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole
Potenziale: Perdita di biodiversità, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione
Impatti socio-economiciVisibile: Sgomberi/sfollamenti, Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Perdità dei mezzi di sussistenza, Militarizzazione e aumento della presenza/controllo militare e forze dell'ordine, Specifici impatti sulle donne, Violazione dei diritti umani, Espropri di terra, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo, Altro (specificare)
Potenziale: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Aumento della violenza e della criminalità, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc)

Risultati

Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Compensazioni
Criminalizzazione degli attivisti
Migrazioni/sfollamenti
Repressione
Applicazione della legislazione vigente
Sviluppo di proposte alternative:Alcuni villaggi situati nella zona del buffer, i cui diritti della foresta comunitaria (CFR) sono stati riconosciuti, costituiscono un comitato di gestione forestale e 30 villaggi hanno già preparato un piano di gestione e conservazione per le risorse della foresta della Comunità. 21 villaggi hanno presentato un piano di gestione al comitato di livello sub-divisionale e approvato dal collettore distrettuale. Circa 10 villaggi hanno già iniziato a implementare il loro piano di gestione con il supporto del Dipartimento Forestale. Il processo viene seguito da Vasundhara e CreftDa, e un incontro è tenuto con le autorità interessate ogni mese per seguire il processo.
Tuttavia, la vera attuazione dei presenti diritti continua a essere ostruita dal dipartimento forestale, e le comunità indigene stanno costantemente lottando per attuare correttamente la legge - una legge che ha la potenzialità per far risaltare la povertà migliaia di persone e legalizzare il loro stato nella loro aree riservate dalla foresta.
Azioni legali:
La prima azione giuridica è stata presa il 15 dicembre 2014, quando l'attivista indigeno locale Tellanga HASA del villaggio di Jamunagar, ha presentato un ricorso al Ministero dell'Affari Tribal che richiede di fermare il trasferimento dalla riserva di Tiger Simlipal e fornire i servizi di base ai villaggi all'interno Simlipal. Il 15 e il 16 dicembre 2016, un'audizione pubblica nazionale è stata organizzata dalla rete legale dei diritti umani, in Nuova Delhi, a sostegno dei villaggi del villaggio di Jamunagarh. Si è sostenuto che mentre i diritti e i titoli comunitari hanno ricevuto i loro diritti sono stati immediatamente privati ​​nel sito trasferito. È stato anche criticato che i due abitanti del villaggio all'interno delle aree principali sono stati continuamente negati di affermare i loro diritti, anche se i titoli distribuiti e I CFR sono stati riconosciuti.
Dall'inizio del 2017 gli attivisti locali guidati da Telanga Hasa, hanno iniziato a organizzarsi per protestare contro lo sfratto in corso sotto la bandiera del Simlipal Surakshia Manch (SSM). Un incontro importante è stato organizzato a livello di Stato il 6 gennaio 2017 a Bhubaneswar, Odisha per protestare contro lo sfratto forzato degli abitanti del villaggio dallo STR. In quel giorno i rappresentanti di Simlipal Surakshia Manch Manch (SSM) hanno fatto appello a fermare il piano di ricollocazione sia nell'area di base e del buffer, chiedendo di fermare le molestie continue e garantendo servizi di base alle comunità della riserva di Tiger Simlipal.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoSebbene le comunità locali della riserva di Simlipal Tigers e del Parco nazionale hanno riconosciuto i diritti della foresta comunitaria, ciò non può essere considerato un successo, poiché la legge qui è stata strumentalizzata per legalizzare il trasferimento dalle aree riservate protette, che è in corso in corso. I diritti della foresta riconosciuti dalla legge continuano a essere negato dal dipartimento forestale, la molestia e la violazione dei diritti umani continuano a svolgersi contro le comunità indigene che vivono all'interno dei limiti del progetto Tiger.

Fonti e materiali

Altri commenti:Siamo grati per le informazioni condivise dall'organizzazione Vasundhara e dai suoi membri.

Meta informazioni

Ultima modifica19/07/2018

Images

 

entry to Simlipal Tiger Reserve

Two women getting back to thei village adter having collected some mahua flowers from the forest. Main entry of Simlipal Tiger Reserve. Credit: Eleonora Fanari

Mankidia tribe debarking Siali fiber in Similipal Tiger Reserve. Down to Earh. Subrat Nayak

Image retrieved from: https://www.downtoearth.org.in/news/forests/habitat-rights-of-odisha-s-tribal-group-denied-despite-district-s-approval-59428

Relocated Camp of ex Kabathgai village

Provisory mud houses in the Manada colony, far about 60 to 70 km from the Kabathgai villages, in Simlipal Tiger Reserve, where the 40 relocated families used to live. Credit: Eleonora Fanari

Relocated Camp of ex Kiyajhar to Khonduador

relocation camp in Khoduador, where a number of about 47 PVTG families of Kharia tribe and 32 Kholo families live. Credit: Eleonora Fanari