Please zoom in or out and select the base layer according to your preference to make the map ready for printing, then press the Print button above.

Dumping incontrollato e organizzazione di donne raccoglitori di rifiuti, Cotonou, Benin


Descrizione:

Cotonou soffre di un problema di lunga data di smaltimento dei rifiuti incontrollati e della conseguente contaminazione ambientale. La maggior parte dei rifiuti della città finisce nelle discariche informali in tutta la città o nelle acque del lago Nokoué, la laguna e il mare, dove le rive sono ora ampiamente coperte di immondizia. Gli overflow dei rifiuti hanno portato a gravi rischi di inquinamento e salute, incluso un aumento delle malattie trasmesse dall'acqua, danni alla pesca e biodiversità e all'intasamento delle fogne con rifiuti solidi. Soprattutto le aree di baraccopoli della città, come ad esempio Vèdeko, sono state sempre più convertite in discariche. Nuovi baraccopoli sono costruiti informalmente in alcune terre desolate lungo la laguna e il fiume Ouémé. [1] [2] [3] L'acqua è contaminata dal percolato da rifiuti che si è sempre più accumulato negli ultimi tre decenni, decomponendo rifiuti organici e sostanze tossiche e persino radioattive e metalli pesanti (come piombo, mercurio, ferro, zinco e rame) da rifiuti elettronici e batterie scartate. La contaminazione ha causato la diffusione di malattie e epidemie, è entrata nella catena alimentare e ha anche portato a un drastico declino dei pesci nel lago Nokoué, dove la quantità di pesce si è quasi dimezzata in un paio d'anni, rendendolo più possibile per Molti pescatori per guadagnarsi da vivere. Gran parte dei rifiuti deriva anche dal mercato di Dantokpa, uno dei più grandi mercati dell'Africa occidentale e un punto commerciale per ogni tipo di merci. Sebbene lo scarico dei rifiuti sia ufficialmente vietato, i commercianti affermano di non avere nessun altro posto per scartare i rifiuti. [2] [4]

Cotonou attualmente genera tra 700 e 800 tonnellate di rifiuti al giorno, di cui solo circa 100 sono portati in discarica di Ouèssè (situato in il Comune di Ouidah), mentre il resto viene scartato in gran parte senza alcun controllo [1] [2]. Alla luce dell'aumento dei livelli di contaminazione, il comune ha affermato che mancava le risorse per gestire correttamente i rifiuti mentre il governo del Benin nel 2017 ha annunciato nuovi piani per migliorare la gestione dei rifiuti. Ciò dovrebbe includere miglioramenti nella raccolta e nelle infrastrutture finanziate dalla Banca mondiale, che già negli ultimi dieci anni ha tentato di migliorare i servizi igienico -sanitari e il sistema fognario. La raccolta dei rifiuti viene lasciata a molte piccole ONG che sono coordinate attraverso un corpo chiamato Cogeda, che è legato al comune. Tuttavia, è stato riportato che un ampio punto di raccolta dei rifiuti costruiti con finanziamenti internazionali è stato costantemente eccessivo e inoperante dal 2016. Un lavoratore delle ONG nel 2018 ha spiegato che gli abitanti delle baraccopoli hanno costantemente sofferto di malattie legate ai rifiuti e che i problemi si erano aggravati nei due anni precedenti come I servizi di raccolta privata hanno smesso di operare nelle parti più povere della cittadina, per motivi che sono rimasti inspiegabili per loro. [2] [3] [5] [6]

Le carenze nel settore della gestione dei rifiuti del Benin sono diventate tragicamente evidenti nel 2016 quando un'esplosione in un sito di discarica di 40 chilometri all'esterno Cotonou ha ucciso almeno 1 8 persone e rimanenti 90 persone gravemente ferite [7] [8]. La discarica di Tori-Avamé aveva ricevuto diversi tipi di rifiuti tossici e pericolosi che venivano solitamente bruciati. Il giorno della tragedia, un'azienda ha scaricato farina viziata altamente infiammabile. Centinaia di persone, molte delle quali vivevano in condizioni di estrema povertà e venivano regolarmente sul sito per cercare alcuni rifiuti, vennero a raccogliere farina ma furono colpite dall'esplosione. I gruppi ambientalisti nel seguente indicavano il disprezzo degli standard di sicurezza relativi all'incenerimento di materiale pericoloso nel sito e, poco dopo, tre funzionari furono sospesi per presunta negligenza. [8] [9] I locali hanno affermato che molti di coloro che vengono a lavorare nella discarica sono consapevoli dei rischi, ma non hanno altra scelta. Potrebbero guadagnare fino a 100.000 franchi al mese (circa 150 euro; in più del doppio reddito minimo) raccogliendo gli avanzi di cibo ed elettrodomestici elettronici. [8]

Nonostante questi problemi aggravanti, i riciclatori informali recuperano una parte notevole dei rifiuti scartati e si sono organizzati in diversi gruppi in tutto il Benin. A Cotonou, i più grandi e più noti sono le donne raccolte di rifiuti di "Association de femmes recuperatrices du Benin", creati nel 1997. L'associazione ha attinto alla pratica di lunga data delle donne di raccogliere rifiuti domestici per guadagnarsi da vivere e ha avuto l'obiettivo specifico di fare da vivere Formare una struttura per raccogliere riciclabili e migliorare la propria vita e il riconoscimento. Oggi sono ampiamente conosciuti come i "gohotos" quando hanno iniziato come collezionisti di bottiglie per le strade, dove in genere gridano "Goxoto wa loo" (che in fon significa "gli acquirenti di bottiglie vuoti sono qui"). Acquistano 70 diversi tipi di bottiglie di vetro e plastica, spesso da poveri, e successivamente hanno incluso più raccoglitori di rifiuti nelle loro attività. L'associazione è basata sull'appartenenza, ha un ufficio permanente e riunioni mensili. A partire dal 2012, aveva circa 1.000 membri, di cui circa 400 collezionisti di bottiglie mentre altri, i cosiddetti "Gbobetoo S", hanno scelto rifiuti per le strade, nelle discariche o nella collezione porta a porta dalle famiglie. È stato riferito che circa il 70 percento della popolazione di Cotonou beneficia dei loro servizi informali. [10]

Il processo di organizzazione e costruzione di capacità del "Gohotos" è stato accompagnato da Oxfam-québec che è stato coinvolto nella raccolta dei rifiuti municipali e sostenuto la comunità. Iniziative di riciclaggio basate in Benin. Tra il 2001 e il 2008 ha lavorato a stretto contatto con l'Associazione femminile e ha fornito un'istruzione di base e l'imprenditorialità per la costruzione della capacità, ha costruito un nuovo centro di riciclaggio (dopo che il vecchio era stato bruciato), un progetto di compostaggio e installato per collezionisti di rifiuti nel mercato di Dantopka Market Market Market , dove alcuni di loro hanno ricevuto un accreditamento ufficiale per il riciclo. Il mercato non è solo il sito principale per la raccolta dei rifiuti, ma anche il punto di trading più importante per i riciclabili. Gohotos in genere vende circa 1.000 bottiglie al giorno a diverse aziende di bevande, tra cui alcune all'estero, ma recuperano anche quantità sostanziali di materie plastiche, cartone, lattine e vetro, un totale stimato di sette tonnellate di rifiuti al giorno. [6] [10] [11] [12] [13] [14] Nel 2008, è stata formata una cooperativa e i membri del gruppo sono stati impegnati in dialoghi con gruppi internazionali per i picker con il sostegno delle donne dell'organizzazione nell'occupazione informale: globalizzazione e organizzazione (Wiego) [15].

Le relazioni dell'associazione di una serie di sfide in corso - soprattutto una mancanza di sostegno da parte del governo municipale, che, come Sostengono, è contro di loro e non riconosce il loro lavoro. Il gruppo incontra regolarmente le autorità locali ma afferma di essere inutili e ignorano regolarmente le decisioni, anche se i raccoglitori di rifiuti pagano un'imposta mensile. Il loro lavoro rimane informale che li lascia senza assicurazione sanitaria e protezione sociale o accesso a programmi di credito o di assistenza all'infanzia. Continuano inoltre a non avere adeguato spazio di lavoro, accesso all'acqua e all'elettricità e attrezzature di base come guanti, stivali, maschere, pale, pushcart e cestini. [10] [15] Nonostante questi ostacoli, i raccoglitori di rifiuti donne riferiscono che unirsi all'associazione li ha aiutati a trovare la comunità e una qualche forma di gruppi di auto-aiuto, che ha ridotto la loro vulnerabilità [14]. Alcuni hanno anche notato che la raccolta di rifiuti aveva una lunga tradizione nelle loro famiglie, poiché anche le loro madri e nonne avevano già lavorato nel riciclaggio [12].

Informazioni di base

Nome del conflittoDumping incontrollato e organizzazione di donne raccoglitori di rifiuti, Cotonou, Benin
NazioneBenin
Localizzazione del conflittoCotonou
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)

Causa del conflitto:

Tipo di conflitto. Primo livelloGestione dei rifiuti
Tipo di confitto. Secondo livelloConflitti legati allo sviluppo urbano
Conflitti sulla privatizzazione e la gestione di rifiuti
Discariche, trattamento rifiuti speciali/pericolosi, smaltimento illegale
Itticoltura
Qualità delle acque e servizi sanitari e igienici
RisorseRifiuti urbani domestici
Metalli riciclati
Rifiuti elettronici
Pesce

Dettagli del progetto e attori coinvolti

Dettagli del progetto

Nel 2001, Oxfam ha lanciato il progetto "Gestion des Déchets Solide Ménagers (GDSM)" per supportare iniziative di riciclaggio basate sulla comunità nelle città di Cotonou e Ouidah, che in due fasi è durata fino al 2008.

Tipo di popolazioneUrbana
Data di inizio del conflitto:2016
Attori governativi rilevanti:Governo di Cotonou
Governo del Benin
Coordinamento des Ong de Gestion des Déchets Solides Ménagers et de L'Assainissement (Cogeda)
Istituzioni internazionali o finanziarie International Finance Corporation (of World Bank) (IFC)
Canadian International Development Agency (CIDA) from Canada
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Association de femmes recuperatrices du Benin (AFRB)
Oxfam-Québec
Donne in lavoro informale: globalizzazione e organizzazione (Wiego)
Global Alliance of Waste Pickers (GlobalRec)

Conflitto e mobilitazione

Intensità del conflittoBassa (attività modesta di organizzazioni locali con scarsa capacità di mobilitazione)
Temporalità del conflittoSconosciuto
Gruppi mobilitati:Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Operatori dei rifiuti, del riuso e riciclo
Organizzazioni/comitati di donne
Scienziati / professionisti locali
Pescatori
Forme di mobilitazione:Lavoro di rete/azioni collettive
Sviluppo di proposte alternative
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali

Impatti del progetto

Impatti ambientaliVisibile: Inquinamento atmosferico, Perdita di biodiversità, Incendi, Inondazioni, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Riscaldamento globale, Degradazione paesaggistica, Contaminazione dei suoli, Fuoriuscite di contaminanti, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Impatti sul sistema idrogeologico, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica
Impatti sulla saluteVisibile: Malnutrizione, Malattie professionali e incidenti sul lavoro, Malattie infettive, Altre malattie legate alla contaminazione ambientale
Potenziale: Incidenti/infortuni, Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni), Problemi mentali compresi stress, depressione e suicidi
Impatti socio-economiciVisibile: Mancanza di sicurezza sul lavoro, assenteismo al lavoro, licenziamenti, disoccupazione, Violazione dei diritti umani, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Aumento della corruzione/cooptazione dei diversi attori, Sgomberi/sfollamenti, Aumento dei problemi sociali (alcolismo, prostituzione,ecc), Specifici impatti sulle donne

Risultati

Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Morti, Omicidi, Assassinii
Rafforzamento della partecipazione
Negoziazione in corso
Applicazione della legislazione vigente
Sviluppo di proposte alternative:L'alleanza globale dei raccoglitori di rifiuti suggerisce di rafforzare ulteriormente l'organizzazione dei raccoglitori di rifiuti locali e menziona un paio di obiettivi e possibili ulteriori passi, tra cui la costruzione di capacità e le competenze e lo sviluppo delle conoscenze, la costruzione di reti nazionali e internazionali al fine di migliorare il dialogo con il comune ed essere in grado di negoziare meglio con il governo per dare la priorità ai raccoglitori di rifiuti nel sistema di gestione dei rifiuti. [11]
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoIl problema dei rifiuti a Cotonou sembra rimanere irrisolto e rappresenta minacce crescenti per l'ecosistema e la popolazione. La cattiva gestione dei rifiuti ha recentemente tragicamente raggiungibile l'esplosione delle discariche del 2016 e il trabocco di rifiuti in corso nei bassifondi e nei corpi idrici della città.

L'organizzazione locale del gruppo Women Waste Pickers e il supporto di Oxfam sembrano aver apportato miglioramenti per la comunità; La loro esperienza mostra un percorso su come le iniziative di riciclaggio basate sulla comunità possono essere supportate, ma anche molte sfide rimangono per aumentare i loro sforzi e includerle negli schemi formali di gestione dei rifiuti.

Fonti e materiali

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[1] Allam, Z., Jones, D. (2018): Towards a Circular Economy: A Case Study of Waste

Conversion into Housing Units in Cotonou, Benin. In: Urban Science, 2018/2, 118, 1-19.

[1] Allam, Z., Jones, D. (2018): Towards a Circular Economy: A Case Study of Waste Conversion into Housing Units in Cotonou, Benin. In: Urban Science, 2018/2, 118, 1-19.

[6] Lampron, L. (2009): CONTRIBUTION À L'ÉVALUATION DE LA MISE EN ŒUVRE DU DÉVELOPPEMENT DURABLE À TRAVERS LA DIMENSION ENVIRONNEMENTALE: LE CAS DELA VILLE DE COTONOU AU BÉNIN. Université du Québec à Montreal, Janvier 2009.

[10] Forrest, K., Tuwizana, K. (2012): Women Waste Picker Group in Benin. WIEGO – Globalrec. Waste Picking in Africa. Volume 2.1, April 2012.

[7] VOA Afrique (2016): Explosion de Tori: le gouvernement béninois prononce les premières sanctions. 15.09.2016. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://www.voaafrique.com/a/explosion-de-tori-le-gouvernement-beninois-prononce-les-premieres-sanctions/3510160.html

[8] de Souza, O. (2016): Bénin: derrière l’explosion de la décharge d’Avamé, un drame de la misère. Le Monde Afrique, 15.09.2016. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://www.lemonde.fr/afrique/article/2016/09/14/au-benin-des-habitants-pris-au-piege-par-les-flammes-sur-le-site-d-incineration-d-avame_4997720_3212.html

[11] Globalrec (n.d.): Association de Femmes Recuperatrices du Benin (AFRB) (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://globalrec.org/es/organization/association-de-femmes-recuperatrices-du-benin-afrb/

[13] Gandonou, M. (2011): Récupération des bouteilles vides et objets recyclables: Des stagiaires canadiennes valorisent l’activité des femmes « gohotos ». L’évènement précis, 05.08.2011. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://levenementprecis.com/2011/08/05/recuperation-des-bouteilles-vides-et-objets-recyclablesdes-stagiaires-canadiennes-valorisent-l%E2%80%99activite-des-femmes-%C2%AB-gohotos-%C2%BB/comment-page-1/

[14] Durand, M. (2006): Rien ne se perd, tout se crée. Le Devoir, 11.06.2006. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://www.ledevoir.com/monde/115703/rien-ne-se-perd-tout-se-cree

[15] Globalrec (n.d.): Julienne Mangni. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://globalrec.org/bio/juliene-mangni/

Media correlati - links a video, campagne, social networks

[2] Bocovo, I., Tchoki, W., Sagbidi, A., Hlannon, R. (2017): Cotonou : la gestion des déchets ménagers, une vraie catastrophe écologique. ORTB, Youtube, 10.08.2017. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://www.youtube.com/watch?v=nXCiwB6rB6o

[3] Benin Eden TV (2018): Site de Vèdoko-Environnement : des bas-fonds transformés en décharge de déchets solides. Youtube, 09.02.2018. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://www.youtube.com/watch?v=kDVeolEKFOg

[9] africanews (2016): Benin sanctions over explosions [The morning call]. 17.09.2017. (Online, last accessed: 15.04.2020)
https://www.youtube.com/watch?v=qSMDMqRsSLQ

Meta informazioni

Ultima modifica14/05/2020
ID del conflitto:5045

Images

 

Waste piles up in Dantokpa

(Photo credit: Yanick Folly)

The Vèdeko slum is one of the areas most affected by unregulated dumping

(Benin Eden TV, [3])

In 2016, an explosion at a landfill site in the outskirts of Cotonou killed numerous people who scavenged trough food leftovers

(Photo credit: Yanick Folly - AFP)

In 2012, a waste pickers leader from Cotonou participated in an international waste pickers meeting in Brazil

(Globalrec)

Gohotos sell collected bottles at Marché Dantokpa

(Oxfam [12])

Much of Cotonou's waste is indiscriminately dumped into waters, wetlands and slum areas

(DW Akademie Africa)

Waste dumped in Cotonou's lagoon area

(Ferreira Ana L., picuki.com)

Waste has seriously contaminated Lake Nokoué

(Source: Eden TV; Maison des Médias)

In parts of the city waste collection has de-facto collapsed

(ORTB, [2])

Women waste pickers have been organizing since 1997

(WIEGO)